Ottavo rapporto sulle Fondazioni di origine bancaria - Anno 2002

  Pag.  
PREFAZIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7  
ELEMENTI DI SINTESI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9  
INDICE DELLE TABELLE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19  
INDICE DELLE FIGURE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
CAP. 1 IL QUADRO ISTITUZIONALE E NORMATIVO 25  
CAP. 2 LA STRUTTURA OPERATIVA    
  2.1 Il personale. . . . . . . . . . . . . . . . . 31  
  2.2 Gli assetti operativi. . . . . . . . . . . 34  
  2.3 I siti web delle Fondazioni bancarie. . . . . 43  
CAP. 3 IL PATRIMONIO E LA GESTIONE ECONOMICA 49  
  3.1 Il patrimonio. . . . . . . . . . . . . 49  
  3.2 Gli assetti partecipativi nelle Banche conferitarie. . 51  
    3.2.1 La situazione attuale. . . . . . . . . . . 51  
    3.2.2 Un breve quadro evolutivo degli assetti partecipativi . . . . . . . . . . . . 53  
  3.3 Le operazioni di aggregazione realizzate dalle Banche  
  partecipate dalle Fondazioni. . . . . . . . . . 55  
  3.4 La redditività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57  
  3.5 Le risorse destinate all’attività erogativa . . . 63  
  Tabelle relative ai dati economico-patrimoniali 67  
CAP. 4 - L'ATTIVITÀ ISTITUZIONALE . . . . . . 89  
  Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89  
  4.1 Criteri di classificazione dei dati . . . . . . 90  
  4.2 Analisi riguardante il Sistema Fondazioni . . 91  
    4.2.1 Quadro sintetico . . . . . . . . . . . . . . . 91  
    4.2.2 Settori di intervento . . . . . . . . . . . . 92  
    - Attività culturali e artistiche. . . . . . . 95  
    - Istruzione. . . . . . . . . . . . . . . . 100  
    - Assistenza sociale. . . . . . . . 105  
    - Filantropia e volotariato. . . . . . . 108  
    - Sanità. . . . . . . . . . . . . 111  
    - Ricerca. . . . . . . . . . . . . . . 114  
    - Promozione della comunità locale. . . . . 118  
    4.2.3 Beneficiari delle iniziative . . . . . . . . . 120  
    4.2.4 Tipo di intervento . . . . . . 121
    4.2.5 Altre caratteristiche dei progetti . . . . . 122  
    4.2.6 Localizzazione delle iniziative . . . . . 124  
  4.3 Analisi riferita a gruppi di Fondazioni . . . . 125  
    4.3.1 Quadro sintetico . . . . . . . . . . . . . . 125  
    4.3.2 Settori di intervento . . . . . . . . . . . . . 127  
    4.3.3 Beneficiari delle iniziative . . . . . . . . 128  
    4.3.4 Tipo di intervento . . . . . . . . 129  
    4.3.5 Altre caratteristiche delle iniziative . . . 129  
    4.3.6 Localizzazione delle iniziative . . . . . 130  
  Tabelle relative all’attività istituzionale 133  
CAP. 5 IL DISTRETTO CULTURALE: UN NUOVO MODELLO    
  DI SVILUPPO LOCALE?. . . . . . . . . . . 165  
NOTA METODOLOGICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
BIBLIOGRAFIA. . . . . . . . . . . 205  
APPENDICE - NORMATIVA. . . . . . . . 215

Nota:

Per consultare o salvare una copia delle singole sezioni (.pdf) cliccare sui simboli posti a lato.

Per il download dell'intero rapporto (.zip) cliccare QUI col tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome...".