Un aiuto concreto contro la crisi

28 novembre 2016

welfare

La crisi economica continua ad attanagliare le famiglie e la Fondazione Cr Carpi non fa mancare il proprio aiuto a chi si trova in difficoltà a causa della perdita del proprio lavoro. Per questo, in stretta collaborazione con i Comuni dell’Unione delle Terre d’Argine, a dato vita nuovo Bando Anticrisi per il quale stanzia 650mila euro per aiutare i cittadini residenti di Carpi, Novi di Modena e Soliera colpiti dalla crisi occupazionale.

Gli aiuti sono rivolti ai nuclei familiari che stanno subendo una riduzione documentata del reddito, per la perdita del lavoro, a seguito della crisi economica, che risiedono nei Comuni di Carpi, Novi di Modena e Soliera, da data precedente il 1° gennaio 2015, e che sono in possesso di un’Isee non superiore a 20mila euro. Le categorie di aiuto previste dal bando sono quattro: servizi socio-sanitari; educazione e formazione; gestione della quotidianità e inclusione sociale; fruizione dei beni di prima necessità.

La prima tipologia comprende le rette per i servizi diurni e residenziali, le spese per assistenza presso la propria abitazione, le spese mediche per visite, esami e terapie. La seconda categoria prevede le rette dei servizi scolastici, le attività di doposcuola e i corsi di formazione, le tasse scolastiche e universitarie, i corsi di formazione professionale, i testi e il materiale scolastico. Nella gestione della quotidianità e inclusione sociale rientrano i contributi per le spese condominiali, le utenze e i trasporti. L’ultima categoria riguarda infine le spese alimentari, quelle per l’igiene e per i prodotti della prima infanzia.

Per fare richiesta dei contributi del Fondo Anticrisi 2016-2017 occorre rivolgersi, entro il 14 gennaio 2017, agli uffici di inclusione e assistenza sociale dei Comuni di Carpi (059/649933), Novi di Modena (059/6789142) e Soliera ((059/568511). Gli aiuti sono erogati fino a esaurimento delle risorse disponibili e nel rispetto del punteggio ottenuto in graduatoria, sulla base dei criteri individuati dal Bando. I Servizi Sociali dell’Unione delle Terre d’Argine istruiranno le domande e provvederanno alla stesura della graduatoria che sarà pubblicata sul sito www.terredargine.it, affissa all’albo pretorio dell’Unione e presso la sede dei Servizi Sociali.

«Il Fondo Anticrisi in questi anni è stato un tassello importante nella tenuta sociale di questo territorio – afferma Giuseppe Schena, presidente della Fondazione Cr Carpi –. Negli anni gli abbiamo dato corpo, per allontanarlo dal puro assistenzialismo e strutturarlo in un progetto capace di massimizzare le risorse messe a disposizione. Insieme alle Istituzioni locali e agli operatori sociali del territorio abbiamo costruito rete ampia e articolata che comprende la mappatura dei bisogni, il controllo degli aiuti e l’azzeramento della loro dispersione, oltre alla trasformazione dei destinatari dei sostegni economici in protagonisti di un percorso di qualificazione personale e di utilità per la propria comunità. Questo progetto si sta rivelando come una delle esperienze più significative sul fronte del contenimento del disagio prodotto dalla crisi occupazionale. Oltre a essere stato presentato quale modello per l’organismo nazionale delle Fondazioni bancarie italiane, ha destato grande interesse anche presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali».


Link: www.fondazionecrcarpi.it

tag: Fondazione Cr Carpi aiuti disoccupati crisi economica territorio assistenza contributi