Più energia con le donazioni in bolletta

1 marzo 2017

welfare

La crisi economica sta colpendo duramente le famiglie italiane: dal 2007 a oggi la povertà assoluta è quasi raddoppiata e si sta allargando sempre più anche il numero delle famiglie a rischio di povertà: sono oltre 2 milioni e mezzo, più di 8 milioni di persone (dati 2015). All’interno di questo scenario un nuovo fronte che si è aperto è quello del cosiddetto “fuel poverty”, la precarietà energetica, che indica la crescente difficoltà delle famiglie ad accedere a servizi essenziali come quelli dell’elettricità e del gas. I dati indicano che il fenomeno è in aumento, visto che ogni anno crescono le famiglie morose addirittura a rischio di sospensione delle forniture di energia elettrica e di gas: 1,8 milioni per l’elettricità e 360mila per il gas, nel solo 2013. A fronte di questa situazione, è nata un’alleanza virtuosa tra Fondazione Cariplo e Banco dell’Energia onlus, realtà non profit sorta grazie all’attivazione di A2A, Fondazione Aem e Fondazione Asm, con l’obiettivo di raccogliere fondi per sostenere progetti di supporto alle persone e alle famiglie appartenenti a fasce sociali deboli e a rischio povertà.

La prima iniziativa dei due partner si concretizza nel bando “Doniamo energia”. Ha l’obiettivo di contrastare la povertà e la vulnerabilità sociale tramite interventi in grado di intercettare precocemente le persone e le famiglie fragili e favorire la loro “riattivazione”. Verranno sostenuti progetti promossi in Lombardia da un partenariato minimo di due organizzazioni non profit, che garantiscano ai beneficiari individuati un percorso di supporto e di accompagnamento oltre a sostegni diretti per “tamponare” le situazioni più critiche e coprire i bisogni materiali urgenti. Lo stanziamento iniziale è di 2 milioni di euro. Il bando scade il 15 marzo.

Tutti possono sostenere l’iniziativa. Il Banco dell’Energia ha infatti attivato una raccolta fondi con diverse modalità. oltre alle tradizionali donazioni libere tramite bollettino postale, bonifico o carta di credito, per la prima volta sarà la bolletta dei consumi elettrici o del gas lo strumento per raccogliere le risorse da destinare alle famiglie in difficoltà. I clienti A2A Energia, la società commerciale del Gruppo A2A con contratto elettricità (mercato libero) o gas, potranno infatti richiedere l’addebito diretto della donazione in bolletta.
www.bancodellenergia.it


"Fondazioni" marzo-aprile 2017

tag: Fondazione Cariplo fuel poverty famiglie povertà Banco dell’Energia