Con Cresco c’è più credito per lo sviluppo delle comunità

19 maggio 2017

welfare

La perdurante crisi economia sta mettendo a dura prova anche le organizzazioni del terzo settore attive nel campo del welfare, che sempre più spesso trovano difficoltà ad accedere al credito perché non sono in grado di fornire le necessarie garanzie. Per rispondere a questo problema, recentemente la Fondazione Tercas e la Fondazione Manodori di Reggio Emilia hanno ciascuna sottoscritto accordi con Banca Prossima, l’istituto del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicato al mondo del non profit, per il quale mette a disposizione vari strumenti di credito, fra cui “Cresco - Credito per lo sviluppo delle comunità”. Questo permette alle grandi organizzazioni, come le Fondazioni, di moltiplicare il valore sociale delle erogazioni a favore del terzo settore e degli enti che operano nel welfare, destinandone parte ad appositi fondi di garanzia.

Le Fondazioni selezionano, tramite bando, soggetti non profit che propongono progetti in risposta alle fragilità sociali e hanno necessità di liquidità per avviarlo. Questa viene messa a disposizione da Banca Prossima a fronte di garanzie offerte dalle Fondazioni. Sia Fondazione Tercas che Fondazione Manodori hanno costituito presso Banca Prossima ciascuna un fondo dotato di 500mila euro, che consentirà di erogare i finanziamenti per i progetti selezionati da ognuna di esse, fino a 2 milioni complessivi per Tercas e fino a 2,5 milioni per Manodori. Ai bandi possono partecipare tutti i soggetti non profit operanti da almeno due anni nelle rispettive province. Le Fondazioni ricevono le domande e valutano il valore dei progetti e la loro ricaduta sociale, selezionano le proposte ritenute più innovative e maggiormente coerenti con i propri obiettivi nonché con le finalità del bando. Trasmettono quindi alla banca l’elenco dei progetti selezionati; sarà questa a fare una valutazione indipendente sulla loro sostenibilità finanziaria, scegliendo quelli a cui erogare il finanziamento.

Nella selezione saranno privilegiati i progetti che intendono perseguire due finalità. Da un lato sviluppare iniziative e servizi per migliorare l’efficacia e la qualità degli strumenti per il welfare, ottimizzare l’utilizzo delle risorse, favorire la costituzione di reti tra soggetti diversi. Dall’altro sostenere programmi del terzo settore con particolare attenzione a: l’inclusione e l’integrazione di soggetti a rischio di emarginazione sociale, l’inserimento dei giovani e delle donne nell’ambito professionale, l’avvio di imprese sociali o culturali, nonché iniziative volte a incoraggiare la conciliazione tra vita famigliare e lavoro. Per tutte le informazioni e la modulistica si rimanda ai siti delle Fondazioni www.fondazionetercas. it e www.fondazionemanodori. it. Il bando della Fondazione Tercas scade il 31 maggio 2017, quello della Fondazione Manodori è aperto fino al 31 dicembre 2019, salvo completo assorbimento dei fondi.

 

"Fondazioni" maggio-giugno 2017

tag: Acri progetti finanziamenti giovani donne lavoro imprese fondi