Biella Città creativa Unesco

4 novembre 2019

territori

Il 30 ottobre 2019 a Parigi sono entrate a far parte del network “Creative Cities” 66 nuove città, fra le quali Biella. La capitale della lana entra nel network per la creatività nel settore "Craft & Folk Art", un traguardo che valorizza il grandissimo impegno di tutto il territorio – tra gli altri della Fondazione CR Biella – che mai come in questa occasione si è unito per un obiettivo comune con il settore tessile come sua punta di diamante e una grande attenzione alla sostenibilità. Le città creative dell'UNESCO, infatti, apportano un contributo tangibile al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) attraverso il pensiero e l'azione innovativi, come laboratori di idee e pratiche innovative.

"Sono felice per questo straordinario risultato che valorizza il nostro grande impegno - commenta il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella Franco Ferraris - Biella ha davvero grandi potenzialità non solo nel campo della creatività tessile, poiché il nostro territorio è ricco di bellezze che l'ingresso in questo network ci permetterà di valorizzare e far conoscere. E' il giorno più bello da quando ho assunto la Presidenza della Fondazione. Ringrazio tutti i partner che hanno contribuito alla vittoria".

Grande soddisfazione anche della Fondazione Pistoletto che ha dato un contributo determinante all'operazione coordinando la candidatura insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella e al Comune oltre ad aver messo a disposizione il simbolo del Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto, che incarna i valori della città e aver potuto contare sull'importantissimo sostegno delle rete delle ambasciate del Terzo Paradiso nel mondo.

tag: città creative unesco artigianato tessile