Abbronzati è bello, informati è meglio

In Italia, negli ultimi vent’anni, l’incidenza del melanoma cutaneo è aumentata di oltre il 4% all’anno in entrambi i sessi, con un’impennata complessiva di diagnosi pari a +237%. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha recentemente confermato che le radiazioni ultraviolette di origine solare o da sorgenti artificiali “indoor” (lampade e lettini abbronzanti) sono il principale e certo fattore di rischio per tale neoplasia. Da questi dati allarmanti è nato il progetto di educazione sanitaria alla prevenzione oncologica “Abbronzati è bello, informati è meglio!”, promosso dall’associazione Lilt Alessandria e realizzato grazie al sostegno economico della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria. Il progetto intende accrescere nella popolazione la consapevolezza del rischio derivante dall’esposizione prolungata ai raggi UV, con particolare attenzione ai soggetti che fanno uso abituale di apparecchiature abbronzanti, soprattutto i giovani, favorendo quindi la capacità di operare scelte salutari e adottare comportamenti protettivi. Allo stesso modo ci si propone di migliorare l’azione informativa e educativa rivolta ai medici di famiglia e agli operatori sanitari della provincia, specialmente coloro che rivestono un ruolo che prevede compiti di autorizzazione, vigilanza e controllo sulle apparecchiature abbronzanti, nonché agli operatori nei settori commerciali “estetica” e “fitness & wellness”. Inoltre il progetto ha un’importante componente di prevenzione secondaria (ovvero diagnosi precoce) rappresentata dai 3 ambulatori Lilt di prevenzione e diagnosi precoce del melanoma già attivi rispettivamente ad Alessandria, a Tortona e ad Acqui Terme, tutti dotati di videodermatoscopio. «Siamo veramente soddisfatti di questa iniziativa – ha sottolineato il presidente della Fondazione Cr Alessandria, Pier Angelo Taverna –: si tratta di un progetto mirato che riguarda tutte le fasce d’età della popolazione, ma soprattutto i giovani. Anche in questa occasione, il contributo della Fondazione è rivolto ad offrire nuovi servizi di prevenzione a tutela della salute dei nostri concittadini».

da “Fondazioni” gennaio-febbraio 2013