Acri e Coni insieme per lo sport giovanile

Si apre con la presentazione di un protocollo d’intesa con il Coni, siglato a fine dicembre e di validità triennale, l’attività istituzionale dell’Acri per il 2013. Nei suoi compiti c’è, infatti, quello di favorire iniziative di interesse comune per le proprie associate, anche sviluppando rapporti di collaborazione operativa con altri enti. Condividendo, dunque, le Fondazioni di origine bancaria e il Coni finalità di promozione della pratica sportiva, l’Associazione ha sottoscritto un impegno volto a sensibilizzare le proprie associate affinché promuovano la pratica sportiva come elemento fondamentale e indispensabile nel processo di crescita formativa soprattutto dei giovani, come strumento di integrazione sociale e culturale, come occasione di trasmissione di valori etici quali lealtà, rispetto, sana competizione, ma anche solidarietà, impegno individuale e di squadra, correttezza in termini di stili di vita: tutti valori di cui lo sport è spesso portatore e sempre più dovrebbe esserlo. Il Coni e l’Acri intendono far sì che, sostenendo concretamente lo sport sui territori, queste caratteristiche valoriali si rafforzino e generino frutti utili per gli individui e le loro collettività di appartenenza. Ambito prioritario di intervento delle iniziative promosse sarà la scuola, a partire da quella primaria; sicché, nel rispetto dell’autonomia dei propri confederati e associate, da parte dei due enti verrà favorita la stipula di convenzioni tra le Fondazioni e le strutture territoriali del Coni al fine di promuovere la diffusione della pratica sportiva specificatamente a questo livello. Alcune Fondazioni nelle città di Padova, Rovigo, Modena e Bologna hanno da tempo stipulato convenzioni con le strutture territoriali del Coni per progetti in questo senso; e già se ne stanno raccogliendo i frutti. Coni e Acri si propongono di realizzare una mappatura delle migliori pratiche poste in essere sul territorio nazionale attraverso le collaborazioni fra le Amministrazioni locali, le Fondazioni e il sistema sportivo facente capo al Coni, il quale si impegna a reperire, nelle sue articolazioni territoriali, risorse per il cofinanziamento di eventuali progetti che dovessero nascere in partnership con le Fondazioni, per un importo pari almeno al 50% dei costi. Fra i possibili ambiti di collaborazione si evidenziano: il potenziamento di progetti come Giocosport e Alfabetizzazione moto ria nella scuola primaria; l’acquisto di materiale e attrezzature sportive a favore di associazioni sportive giovanili, istituti scolastici e altri organismi che comunque non abbiano natura imprenditoriale; la manutenzione straordinaria di palestre scolastiche, coinvolgendo i Comuni e le Province, in qualità di enti proprietari, per adeguarle alle normative e renderle autonome dagli edifici scolastici, privilegiando quegli interventi che favoriscano il risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili. Sarà inoltre possibile organizzare insieme conferenze e incontri che coinvolgano campioni dello sport, al fine di sensibilizzare gli studenti sull’importanza e il valore formativo della pratica sportiva nonché prevenire il fenomeno degli abbandoni, ma anche sviluppare progetti orientati ad arginare i fenomeni di marginalizzazione e a integrare tutti i ragazzi senza distinzione di razza, sesso e religione.

da “Fondazioni” gennaio-febbraio 2013