Dai “butti” al Museo, le ceramiche della Tuscia

É situato nel cuore del centro storico di Viterbo il Museo della ceramica della Tuscia che, in un percorso espositivo articolato in cinque grandi ambienti, presenta l’evoluzione della lavorazione della ceramica, a Viterbo e nell’Alto Lazio, dalle prime forme acrome a biscotto a quelle invetriate, agli oggetti smaltati, sino alle ceramiche a stampo per dolci del XIX secolo. La gran parte dei manufatti ceramici esposti sono stati rinvenuti nei pozzi di scarico – definiti popolarmente “butti” – dei centri storici dell’Alto Lazio. Si tratta di pozzi scavati nel tufo all’interno delle abitazioni di epoca medievale, che avevano lo scopo di raccogliere rifiuti di ogni genere, liquidi e solidi, come quelli della mensa di tutti i giorni o le suppellettili rotte. Questa modalità di smaltimento dei rifiuti era regolamentata dalle leggi cittadine: a Todi nel 1275 si stabiliva che tutti gli abitanti erano tenuti a gettare le immondizie e ogni genere di rottame entro cavità scavate nel tufo, ricavate fuori o dentro le mura domestiche, e nel 1324 la stessa norma si era estesa a Orvieto. Sembra probabile, analizzando anche il materiale recuperato, che nel frattempo altre città, tra le quali Viterbo, avessero adottato questo principio igienico. Con la ristrutturazione dei centri storici avvenuta negli ultimi anni, molti pozzi sono venuti alla luce restituendo, assieme a ossa e altri materiali, molti frammenti ceramici, oggi ricomposti pazientemente dai restauratori. Il Museo, nato nel 1996, grazie all’iniziativa della Fondazione Carivit e del Comune di Viterbo, è ospitato al piano terreno del seicentesco Palazzo Brugiotti, a pochi passi dalla piazza del Comune e dal quartiere medievale di san Pellegrino. Esso si pone senz’altro come una tra le realtà culturali più interessanti della città, unico tra i musei cittadini ad aver ottenuto da parte della Regione Lazio – Ufficio Musei il Marchio di Qualità, assegnato quale riconoscimento per l’ottima rispondenza tra gli standard richiesti e la qualità dei servizi offerti al pubblico. Il museo è aperto dal venerdì alla domenica con orario 10-13 e 15-19; in estate è aperto dal giovedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

da “Fondazioni” novembre-dicembre 2011