10mila visitatori alla mostra sulla Collezione Bruson

Con circa diecimila presenze si è conclusa la mostra “La Collezione Renato Bruson. Boldini, Fattori, Lega, Segantini, Signorini e i vedutisti veneti dell’Ottocento”, proposta da Fondazione Cariparma presso la propria sede e terminata il 25 gennaio scorso.

Un’esposizione che, da fine settembre2014, con importanti riscontri presso la stampa nazionale e un crescente interesse di pubblico, ha fatto conoscere e apprezzare la “Donazione Renato Bruson”, l’importante corpus di 71 dipinti di pittori dell’800 italiano che il celebre baritono, assieme alla moglie Sig.ra Tita Tegano, ha recentemente donato alla Fondazione Cariparma.

A cura di Giovanni Godi e Corrado Mingardi (che hanno inoltre curato il catalogo assieme a Fernando Mazzocca e Carlo Sisi), la mostra – articolata in un mirato percorso ad affrontare la serie dei macchiaioli, dei vedutisti veneti e delle opere di autori quali Giovanni Boldini, Francesco Paolo Michetti, Giovanni Segantini, Pompeo Mariani–si è rivelata tra le principali proposte culturali dell’autunno parmense, un importante tassello che amplia la visione della produzione pittorica italiana di fine Ottocento e dei primi anni del secolo successivo.

La mostra ha suscitato particolare interesse non solo a livello locale ma anche italiano, con cospicue presenze di visitatori stranieri;sono state coinvolte anche le scuole di Parma e provincia, con oltre 60classi (dalle scuole materne a quelle secondarie di secondo grado) che hanno avuto l’occasione di conoscere significative tele del panorama della storia dell’arte italiana.

«Le opere della “Donazione Renato Bruson” –  ha affermato Paolo Andrei, presidente della Fondazione Cariparma – troveranno ora collocazione permanente all’interno delle Collezioni d’Arte di Fondazione Cariparma, impreziosendone l’offerta e costituendo un nuovo punto di riferimento per appassionati e studiosi di questo periodo artistico».

A testimonianza dell’interesse suscitato dalla mostra anche presso il circuito delle grandi mostre, alcune opere sono già state concesse in prestito per figurare in due importanti esposizioni della primavera 2015, a Forlì (“Boldini. Lo spettacolo della modernità”) e Ravenna (“Il bel paese. L’Italia dal Risorgimento alla grande guerra, dai macchiaioli ai futuristi”).

 

da Fondazione Cariparma