Una storia della fotografia italiana 1841-1941 dalle collezioni Alinari

Fino al 26 luglio 2015, è aperta presso la Sala Ipogea dell’Archivio di Stato di Torino, l’esposizione “Una storia della fotografia italiana 1841-1941 dalle collezioni Alinari”, curata da Anne Cartier Bresson e da Monica Maffioli, e realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo. Le fotografie raccontano due storie: quella della fotografia in Italia (anche a cura di autori stranieri) e quella dei fotografi italiani (anche con scatti realizzati all’estero). E la datazione dei materiali esposti in mostra rappresenta uno straordinario valore storico – dal Risorgimento alla seconda guerra mondiale – un inedito viaggio estetico, d’autore attraverso la fotografia italiana, nonché un percorso culturale, sociale, urbanistico e paesaggistico.

L’internazionalità dell’Italia in campo fotografico si afferma ben presto dopo la nascita della fotografia in Francia. Infatti la mostra si apre con un dagherrotipo italiano, in particolare di un paesaggio fiorentino, datato 1841. Per proseguire con molti fotografi stranieri, il cui materiale è presente in mostra, che hanno trovato in Italia, terra del Grand Tour, dell’arte e del paesaggio, fonte di ispirazione per le loro fotografie: da Anderson a Macpherson, da Sommer a Rive . Ed a ragione si può dire che questi fotografi siano diventati “patrimonio” della storia della fotografia italiana, così come quelli operanti sul territorio nazionale: dai Fratelli Alinari a Brogi, da Caneva a Ponti, ecc.La creazione dello Stato Italiano nel 1861 si accompagna ad una volontà di unificazione culturale che si traduce nella produzione di una importante documentazione fotografica relativa al patrimonio regionale, il folklore e le tradizioni popolari, la cui produzione continuerà fino al 1910. Il primo Novecento italiano è celebrato con alcuni tra i più noti autori esponenti di quelle correnti artistiche di ricerca, come il Pittorialismo, con Guido Rey, Peretti Griva e gli autochrome di Roster, e di avanguardia, come il nostro Futurismo, con Paladini, Wanda Wulz, Castagneri, Parisio fino a richiamare gli autori di quel Neorealismo che si espresse in modo esemplare attraverso la fotografia e il cinema italiani.

I materiali esposti in mostra, oltre 200 pezzi, sono originali d’epoca, e provengono dalle collezioni Alinari: a partire dall’archivio fotografico costituito dai 3 Fratelli fondatori della famosa casa fotografica fiorentina nel 1852, si è aggiunto un patrimonio di fotografie, conservato presso le Raccolte Museali Fratelli Alinari, il cui punto di forza sta nell’aver saputo assorbire molto presto l’attività di altri studi fotografici professionisti.

Altro punto di forza della selezione delle immagini è costituito dalle tecniche fotografiche: si va dal dagherrotipo, prezioso sia per il supporto su lastra d’argento, sia per il fatto che rappresenta un “unicum” non riproducibile. Si prosegue con i calotipi, negativi su carta, la cui invenzione si deve a Fox Talbot nel 1841, per poi passare alle carte salate, albumine, platinotipie, gelatine bromuro d’argento, stampe colorate a mano, autochromes, ecc.

Il percorso espositivo è arricchito da importanti prestiti provenienti da collezioni torinesi: due stampe in collotipia, Alberobello e il ponte girevole di Taranto, dell’album “Nelle Puglie”, realizzato da Vittorio Alinari nel 1914 e conservato presso la Biblioteca Reale di Torino. L’Archivio di Stato di Torino ha individuato alcune fotografie su due soggetti diversi per origine e natura: la famiglia reale, realizzate dal fotografo Ambrosetti negli anni Ottanta dell’Ottocento ed il lavoro nelle Officine di Savigliano, una delle più importanti società italiane di meccanica, elettrotecnica e carpenteria metallica del XX secolo.

Link: http://www.compagniadisanpaolo.it/