Più impresa sociale per far ripartire l’occupazione giovanile

Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Comune di Padova, Camere di Commercio di Padova e di Rovigo, Banca Prossima, Associazione Vobis hanno fatto squadra attorno a un unico obiettivo condiviso: favorire l’inserimento lavorativo dei giovani e non solo, attraverso il finanziamento a condizioni agevolate di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali, sociali e di volontariato già costituite, ma anche tramite il finanziamento di progetti che prevedano l’avvio di nuove imprese sociali, cooperative sociali e culturali. Il tutto con un occhio di riguardo per quei progetti che sappiano mettere al centro la promozione dell’innovazione e la creazione di nuove opportunità occupazionali. È partita così l’iniziativa “Sostegno all’Occupazione”, promossa dalla Fondazione Cariparo. Prevede l’inserimento lavorativo di 250 persone in 70 progetti di lavoro. Si rivolge esclusivamente a soggetti operanti nei territori di Padova e di Rovigo, specificatamente: imprese sociali, cooperative sociali e cooperative operanti nel settore dello spettacolo, dell’informazione e del tempo libero; associazioni di volontariato e di promozione sociale attive in ambito sociale e culturale. I richiedenti devono presentare un progetto di sviluppo sostenibile che preveda per i partecipanti un inserimento lavorativo di almeno un anno. L’iniziativa è aperta anche alle cooperative e associazioni culturali per il sostegno delle seguenti attività: produzione e promozione artistica/creativa; promozione turistica del territorio, gestione e valorizzazione degli spazi pubblici e dei beni culturali; gestione di servizi di supporto alla conoscenza, alla valorizzazione, alla tutela, alla protezione e alla circolazione dei beni e delle attività culturali. Dal punto di vista operativo la Fondazione Cariparo mette a disposizione di Banca Prossima un plafond di 2,5 milioni di euro, finalizzato a ridurre il tasso di interesse dei prestiti erogati dall’istituto di credito. I prestiti andranno da un minimo di 10mila a un massimo di 150mila euro con un tasso compreso tra l’1,25% e il 2,95%. Ulteriori 200mila euro vengono destinati dalla Fondazione all’erogazione di contributi a fondo perduto a favore dei beneficiari che dimostreranno di aver raggiunto gli obiettivi del progetto. Le Camere di Commercio di Padova e di Rovigo partecipano attraverso i propri servizi di formazione, accompagnamento e consulenza alle nuove imprese, per supportarne le fasi di avvio e di sviluppo dei progetti. Il Comune di Padova si è impegnato a stanziare un contributo ai beneficiari del territorio, nonché a inserirli in un proprio elenco di possibili partner per la realizzazione di servizi sociali e culturali. L’Associazione Vobis, infine, assiste i richiedenti per migliorarne la capacità di accesso al credito.

Per informazioni:
tel. 0498234808, 0498234822, sostegnooccupazione@fondazionecariparo.it.

 

da “Fondazioni” luglio-agosto 2015