L’uomo, il lavoro, la macchina negli scatti di Berengo Gardin

Palazzo Paltroni, sede della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, è uno dei dodici luoghi ospiti delle esposizioni della Biennale Foto/Industria 2015, rassegna promossa dalla Fondazione Mast in collaborazione con il Comune di Bologna e la Direzione Artistica di François Hébel.

La seconda edizione della rassegna ha al centro il mondo del lavoro in tutte le sue forme e in particolare la produzione industriale dalla creazione al riciclaggio. Foto/Industria 2015 si articola in 14 esposizioni, tutte a ingresso gratuito. In via delle Donzelle 2, negli spazi espositivi della Fondazione del Monte, è ospitata l’esposizione di immagini di Gianni Berengo Gardin, curata da Giovanna Calvenzi.

L’uomo, il lavoro, la macchina. Perché è solo con questa precisa sequenza di sostantivi che Berengo definisce la sua lunga frequentazione con fabbriche, aziende, laboratori che, dalla fine degli anni sessanta a oggi, sono uno dei suoi terreni di indagine d’elezione. Perché Gianni Berengo Gardin, in tutta la sua lunga carriera, ha sempre dedicato la sua attenzione agli esseri umani, alle loro attività, ai loro sentimenti, agli eventi dei quali sono protagonisti. La fabbrica e il lavoro sono lo scenario e la ragione per i quali molti attori delle sue immagini agiscono. Nella sua fotografia industriale nessuna eco della fascinazione per meccanica e tecnologia della quale erano vittime consapevoli autori come Albert Renger-Patzsch o Làszlò Moholy-Nagy.

Per Berengo le macchine sono strumenti di lavoro, elementi grafici che fanno da sfondo o interagiscono con la fatica degli operai, con i gesti ripetitivi, con il desiderio che il turno finisca, ma anche con l’orgoglio di un lavoro ben fatto, con il piacere della manualità, con la consapevolezza sociale di vivere un destino comune. Con identica empatia il racconto del lavoro di Berengo passa dall’Olivetti di Ivrea all’Ansaldo di Genova, dalle acciaierie di Dalmine alle fabbriche di tessuti del mantovano.

Sono in prevalenza immagini che rispondono a incarichi professionali, realizzate tuttavia in totale libertà narrativa, nelle quali Berengo riesce sempre a coniugare il suo sguardo poetico con le necessità dell’informazione. Rileggere il suo vasto archivio nel quale gli uomini e il lavoro sono tanto presenti è come affrontare un viaggio nel tempo, nel costume, nell’estetica della rappresentazione del mondo della produzione, ma soprattutto consente, ancora una volta, di apprezzare la straordinaria forza narrativa che anima tutto il lavoro di Berengo.

La mostra si può visitare dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19. L’ingresso è gratuito.


Link: http://fondazionedelmonte.it/news/foto-industria-2015-in-fondazione-le-immagini-di-berengo-gardin 


Credits foto: Gianni Berengo Gardin – L’industriale Alberto Alessi, i designer Achille Castiglioni, Enzo Mari, Aldo Rossi, Alessandro Mendini, Milano 1989 – © Gianni Berengo Gardin courtesy Fondazione Forma per la Fotografia