Il mosaico del santuario francescano più alto del mondo torna all’antico splendore

Nel Tempio votivo francescano, il più alto del mondo (quota a 1.623 mt) eretto oltre mezzo secolo fa sull’imponente massiccio del Terminillo, è tornato all’originaria bellezza e suggestione il grande mosaico che decora l’abside del Templum Pacis. Il restauro del mosaico fatto in occasione del 50° della consacrazione della Chiesa è stato finanziato dalla Fondazione Varrone ed è stato eseguito dallo stesso artista che lo aveva realizzato originariamente che ha utilizzato gli stessi materiali e tecniche di allora. Il risultato è subito apparso non solo agli addetti ai lavori ma allo stesso parroco Padre Mariano Pappalardo, “sorprendente” anche perché tutto l’interno della Chiesa ha ritrovato uno slancio e leggerezza impensata e una verticalità più marcata.

«Siamo soddisfatti dell’ottimo lavoro di restauro del maestoso mosaico del Tempio francescano del Terminillo a cui abbiamo dedicato anche una prestigiosa pubblicazione che racconta le bellezze e il valore architettonico pittorico e spirituale custodito – ha sottolineato Antonio Valentini, presidente della Fondazione Varrone –. Riteniamo che lo sviluppo turistico della provincia passi anche attraverso i restauri di strutture e opere. Rieti è una città d’arte da riscoprire e ci siamo impegnati in questi anni per restituire alla collettività i beni che rappresentano l’insostituibile testimonianza della nostra storia. Questo impegnativo percorso di recupero e restauro coinvolge l’intero territorio provinciale a conferma che la Fondazione Varrone mantiene un dialogo costante con tutte le Istituzioni e gli Enti locali nella ferma e condivisa volontà di rilancio del territorio reatino».

Il Tempio in attesa della cerimonia di inaugurazione dei restauri prevista per l’imminente estate, è stato comunque riaperto ai fedeli che hanno potuto apprezzare le tante sfumature di colori del mosaico che prima dei lavori erano impercettibili.

 

Link: www.fondazionevarrone.it