Oikos è il primo condominio solidale

Grazie al sostegno economico di Fondazione Cariplo, Fondazione Banca del Monte di Lombardia ed Enel Cuore, nasce Oikos, il primo condominio solidale nel quartiere milanese Greco. Si tratta di un progetto di cohousing, votato all’inclusione e all’emancipazione sociale dei soggetti a cui è rivolto, capace di abbracciare differenti situazioni di fragilità e disabilità.

L’obiettivo è realizzare un modello di convivenza in cui le persone non siano esclusivamente utenti passivi, quanto piuttosto soggetti attivamente coinvolti come risorse. L’originalità del condominio solidale Oikos è il “mix abitativo”, che costituisce un modello di nuova inclusione, per così dire eterogenea.

Diversi sono infatti gli enti che si preoccupano della gestione degli appartamenti e diverse, per origine e tipo di fragilità, le persone che li abitano. Ma non solo: lo scopo di questa formula di co-housing, in cui i “condomini” sono chiamati alla condivisione degli spazi, è di avviare un processo di responsabilizzazione degli abitanti stessi, attraverso l’interazione tra loro e la comunità territoriale che li accoglie. E, inoltre, di creare un modello che funzioni e sia replicabile in altri contesti e in altri luoghi.

La palazzina oggi è così organizzata: al piano terra ospita una società di catering solidale, gestita da donne fuggite da paesi in guerra; al primo piano un bilocale ospita adulti in difficoltà e un trilocale una famiglia rom. Al secondo piano e nella mansarda si trovano rispettivamente un bilocale per adulti in difficoltà e una grande comunità destinata a persone con disabilità lieve. Tutti gli appartamenti sono completamente arredati, dotati dei più moderni servizi e offrono un ambiente funzionale e accogliente. Ma il valore aggiunto di vivere in Oikos è dato dalla presenza degli operatori delle cooperative che accompagnano il percorso di integrazione degli ospiti.

Sono tre le cooperative milanesi che hanno contribuito a realizzare il progetto: Spazio Aperto Servizi, Cascina Biblioteca e Farsi Prossimo; insieme hanno dato vita nel 2012 al Consorzio Oikos. Il Consorzio ha ottenuto dalla Curia, per i prossimi 30 anni, la palazzina in via Carlo Conti 27, sotto forma di donazione modale del diritto di superficie. La ristrutturazione dello stabile dismesso è stata realizzata con il supporto di Comunità di Sant’Egidio e Fondazione Idea Vita. Un ruolo di coesione spetta inoltre alla Parrocchia di San Martino in Greco, che ha fortemente voluto il progetto e ne facilita l’integrazione con la comunità locale.

“Fondazioni” maggio-giugno 2016