Defibrillatori accessibili

In Italia le vittime per arresto cardiaco improvviso sono circa 70mila ogni anno e nel 50% dei casi le persone colpite non presentavano una sintomatologia tipica delle patologie coronariche. L’unico trattamento per salvare la vita del paziente colpito da arresto cardiaco è la defibrillazione precoce, che deve essere effettuata entro i primi 5 minuti dall’evento. Per risolvere questa problematica diffusa, il Nucleo dei Volontari di Assistenza Pubblica di Palagiano (Ta) ha avviato il progetto “Palagiano Cardio Protetta”: grazie al contributo di Fondazione Puglia ha acquistato dieci defibrillatori e li ha installati in vari punti della città. In futuro intendono estendere la dotazione di defibrillatori fissi e mobili, nonché attivare corsi per addestrare un centinaio di persone, tra volontari, commercianti e personale della Polizia locale, a utilizzarli al meglio.

“Fondazioni” settembre-ottobre 2017