BioUpper sostiene le startup

Tecnologia a servizio della salute: questa è la missione di BioUpper, la prima piattaforma italiana nel campo delle Scienze della Vita, che sostiene progetti imprenditoriali attraverso percorsi di empowerment, accelerazione e accompagnamento al mercato. BioUpper è ideata e promossa da Fondazione Cariplo e Novartis, e realizzata da Cariplo Factory. Da due anni coinvolge anche Ibm.

Per la quarta edizione la giuria di BioUpper, composta da esperti del tech, della farmaceutica e della sanità, ha selezionato 10 progetti, su 117 candidati, che accederanno a un percorso di accelerazione e potranno accedere ad alcuni servizi tecnologici messi a disposizione da Ibm.

Al termine del programma, le migliori startup incontreranno gli investitori nel campo delle scienze della vita, mentre il progetto valutato a più alto potenziale si aggiudicherà un programma di crescita nella Silicon Valley.

BioUpper oggi mostra senza dubbio la sua importanza e sottolinea la necessità di un collegamento fra tecnologia è sanità. Infatti, fra le startup selezionate per questa edizione, alcune hanno proposto soluzioni che sono già state messe a disposizione delle autorità sanitarie per affrontare l’attuale emergenza da Covid-19 e che saranno ulteriormente sviluppate durante il programma di BioUpper.

«Le startup selezionate dal programma BioUpper – ha dichiarato Giovanni Fosti, presidente di Fondazione Cariplo – hanno al centro il talento e l’intuizione di giovani ricercatori e imprenditori che già oggi possono offrire soluzioni di grande impatto positivo nel campo della digital health. Contribuire alla crescita e all’accelerazione di questo potenziale è, oggi più che mai, un’azione che genera valore per tutta la società».

BioUpper ha ricevuto il patrocinio della Crui – Conferenza dei Rettori delle Università Italiane e della Fondazione Enpam (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Medici) e ha portato la sua esperienza anche in Europa nell’ambito dell’hackathon EUvsVirus, iniziativa della Commissione Europea che ha coinvolto oltre 26mila innovatori da tutta Europa.

Sito BioUpper