Giorgia, giovane di REACT è tra gli Alfieri della Repubblica

Questa mattina il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito 30 Attestati d’onore di “Alfiere della Repubblica” a giovani che nel 2021 si sono distinti per l’uso consapevole e virtuoso degli strumenti tecnologici e dei social network, anche in relazione ai problemi posti dalla pandemia.

Tra i nuovi Alfieri della Repubblica c’è anche Giorgia Greco, 14enne di Milano, per “aver affrontato con coraggio le conseguenze di un intervento chirurgico molto invasivo, e per essere riuscita a tornare a ballare, coronando una passione coltivata fin da bambina. La sua tenacia è ora un esempio che si accompagna al sorriso e alla gentilezza. Giorgia è cresciuta a Niguarda, quartiere di Milano. Fin da piccola, già all’età di 4 anni, aveva scoperto la passione per la ginnastica ritmica. Tre anni più tardi le è stato diagnosticato un tumore osseo che l’ha costretta all’amputazione di una gamba. L’intervento chirurgico, le terapie e i ripetuti controlli medici non hanno fatto perdere a Giorgia la passione per la ginnastica e lei ha lottato strenuamente per continuare a praticarla. È riuscita nel suo obiettivo entrando nella compagnia Sesto Ritmic Dreams di Sesto San Giovanni. L’anno scorso si è esibita nel programma “Italia’s Got Talent” conquistando la finale. Solare e ben disposta verso il prossimo, Giorgia è un esempio di determinazione e coraggio per i coetanei e per tutti coloro a cui la vita ha imposto una battuta di arresto”.

Giorgia, come ha ricordato il Presidente Mattarella nella motivazione del conferimento dell’Attestato d’onore, “negli ultimi anni ha partecipato al progetto REACT sostenuto da “Con i Bambini” e anche in questo contesto si è distinta per il suo sorriso e la sua sensibilità”. “L’importante riconoscimento a Giorgia è rappresentativo della grande responsabilità dimostrata da ragazzi e ragazze, capaci di essere parte attiva della “comunità educante” – ha sottolineato il Presidente di Con i Bambini, Marco Rossi-Doria presente alla cerimonia in Quirinale -. Sono degli esempi di impegno e partecipazione non solo per i coetanei e le coetanee, ma anche per tanti adulti. Sono la speranza vera per un futuro migliore”.  

Il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile nasce nel 2016 da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, con Governo e Terzo Settore. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. Con i Bambini attraverso bandi e iniziative ha selezionato complessivamente più di 400 progetti in tutta Italia, sostenuti con un contribuito di oltre 335,4 milioni di euro, raggiungendo mezzo milione di bambini e ragazzi insieme alle loro famiglie. Attraverso i progetti sono state messe in rete oltre 7.150 organizzazioni, tra Terzo settore, scuole, enti pubblici e privati rafforzando le “comunità educanti” dei territori.

Per maggiori informazioni cliccare qui