Ascoli Piceno – costruire comunità solidali attraverso la coprogettazione

Marco Perosa, direttore Area Strategia, Ricerca e Pianificazione della Fondazione Carisap

Il Comune di Ascoli Piceno, insieme alla Fondazione Carisap, ha vinto il bando nazionale denominato “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”, a valere sulle risorse del PNRR. Il progetto pilota, classificato in sesta posizione, ha ottenuto un contributo pubblico di oltre 90 milioni di euro.

ll progetto costruito dalla Fondazione Carisap si caratterizza per 8 dimensioni strategiche.

  1. Attivare un polo sanitario solidale rivolto a fasce sociali fragili e a rischio di emarginazione, strutturato come servizio socio-sanitario a bassa soglia d’accesso (dimensione welfare e salute).
  2. Realizzare una piattaforma partecipativa per l’identità e la cultura urbana (dimensione culturale).
  3. Promuovere lo start up di un’impresa sociale per la gestione di un albergo etico, un’iniziativa di turismo accessibile.
  4. Sostenere l’istituzione del “Parco Scientifico, Tecnologico e Culturale”, attraverso la creazione di una piattaforma logistica, tecnologica, culturale e scientifica.
  5. Attivare un centro commerciale diffuso nel centro storico della città in grado di mettere a sistema le diverse componenti e di gestire in maniera efficiente e coordinata le molteplici e variegate attività economiche.
  6. Attivare un servizio flessibile di trasporto a chiamata, individuale e collettivo, per una mobilità sostenibile (dimensione accessibilità).
  7. Realizzazione di un centro direzionale per il Terzo Settore urbano che consenta, attraverso la messa a disposizione di spazi operativi e la prossimità delle organizzazioni, di attivare un ruolo di coordinamento (dimensione partecipativa).
  8. Implementar un polo polifunzionale in grado di divenire punto di riferimento educativo, riconoscibile e integrato nella vita della città.

Si tratta di un programma ambizioso che necessita di una precisa strategia. Per la Fondazione Carisap la vera sfida è stata quella di trovare nuovi format per tenere vivi i valori comunitari in un contesto che cambia, e veicolarli presso Istituzioni, mercati, proponendo percorsi condivisi. Se le comunità sono forti lo sono anche le Istituzioni e i mercati. Con il nuovo piano pluriennale 2020/2022, infatti, la Fondazione Carisap ha implementato la propria strategia di intervento definendo una mission orientata alla generazione di rapporti e sinergie tra il non profit, il profit e la pubblica amministrazione. Questa scelta è motivata dalla necessità di contaminarsi e contaminare il territorio con processi di innovazione che potessero superare le barriere dell’autoreferenzialità e potessero accompagnare tutti gli attori decisionali verso una unica visione territoriale.

Per mettere a frutto le enormi opportunità generate dal PNRR, infine, dobbiamo sperimentare nuove soluzioni e restituirne funzionanti come linee di lavoro per tutti; sperimentare prospettive di innovazione sociale di cui la comunità tutta deve essere portatrice. In sintesi, dobbiamo mettere in campo non solo le risorse economiche ma anche una più ampia gamma di competenze tecniche, relazionali, finanziarie e progettuali orientandosi verso logiche di misurazione dell’impatto. Dobbiamo mettere in campo il coraggio di sperimentare, la capacità di costruzione delle reti. Ma perché tutto questo si realizzi serve un ingrediente fondamentale rappresentato dalla fiducia.

Per maggiori informazioni cliccare qui