Nuovo bando: “Re:azioni. Difendi l’ambiente, contribuisci al benessere di domani”

È stato lanciato il bando “Re:azioni. Difendi l’ambiente, contribuisci al benessere di domani”, un’iniziativa promossa dalla Fondazione Compagnia di San Paolo che si rivolge agli Enti privati senza scopo di lucro al fine di sostenere progetti a impatto ambientale che coinvolgano attivamente e in modo protagonistico la società civile, le cittadine e i cittadini.

Nello specifico il bando “Re:azioni” mira a sostenere progetti di transizione ecologica a livello locale, così da aumentare la consapevolezza e il coinvolgimento delle comunità su problematiche e sfide ambientali territoriali. Le azioni sollecitate dovranno avere quindi ricadute concrete negli ambiti della salvaguardia ambientale e dell’adozione di stili di vita sostenibili e consapevoli, attraverso il coinvolgimento attivo dei cittadini.

Le azioni dovranno essere pensate per penetrare nei territori e nelle comunità così da promuovere una mobilitazione che sia più ampia possibile. La società civile e le istituzioni giocano infatti un ruolo chiave per garantire un vero cambio di paradigma in merito ai temi della sostenibilità ed è fondamentale che tutti i soggetti siano coinvolti attivamente per sentirsi parte e rafforzare il necessario processo di transizione ecologica.

Nell’ideazione progettuale, particolare attenzione dovrà essere posta ai seguenti aspetti:

  • creazione di opportunità di esperienza diretta da parte delle persone coinvolte, che implichino la constatazione degli effetti del degrado ambientale e del cambiamento climatico nella vita quotidiana di ciascuno di noi;
  • crescita della consapevolezza, intesa come chiarificazione del ruolo che cittadine e cittadini giocano in veste di consumatori, elettori, agenti economici, membri di organizzazioni della società civile;
  • azione, intesa come insieme di scelte e di comportamenti coerenti per contrastare il cambiamento climatico e per garantire la protezione e la salvaguardia dell’ambiente a partire dalle pratiche quotidiane.

Per saperne di più cliccare qui